Rifiuti

Rifiuti pericolosi ed industriali

Le analisi chimico-fisiche:

  • stabiliscono l’eventuale pericolosità del rifiuto;
  • assegnano le caratteristiche di pericolosità HP (Reg. UE 1357/2014);
  • attribuiscono la destinazione finale di smaltimento con l’esecuzione degli eluati da test di cessione ai fini dell’ammisibilità in discarica (D.M. 27/09/2010) o del recupero in procedura semplificata (D.M. 05/02/1998 e s,m.i.).

amianto

L’analisi dell’amianto viene eseguita sia su materiali in massa, che nell’aria ambiente (outdoor ed indoor).

L’identificazione dell’amianto nell’aria-ambiente deve essere eseguita nel corso di lavori di bonifica per la rimozione di materiali contenenti amianto al fine di verificare l’esposizione degli operatori in cantiere.

L’analisi sui materiali è eseguita per verificare la presenza di amianto e, in tal caso, si procede alla relativa bonifica e/o messa in sicurezza.

Microinquinanti in ambiente di lavoro

Il D.Lgs. 81/2008 stabilisce che il datore di lavoro ha l’obbligo di verificare che l’esposizione a sostanze chimiche e microbiologiche pericolose non arrechi danni alla salute dei lavoratori. Le analisi dei “microinquinanti in ambiente di lavoro” hanno l’obiettivo di verificare tale condizione.

Il campionamento si edegue applicando un “naso artificiale” che aspira l’aria alla stessa altezza del naso del lavoratore. L’aria è inviata a fiale adsorbenti che trattengono i potenziali inquinanti successivamente analizzati in laboratorio.